Abilitare l’Editor Criteri di gruppo su Windows 10 Home Edition

Occasionalmente, si potrebbe voler modificare un’impostazione di Windows che non è configurabile tramite il Pannello di controllo o le Impostazioni. Per esempio:

  • Abilitazione del supporto per percorsi lunghi (long = percorsi oltre 259 caratteri).
  • Disabilitazione di tutte le Live Tiles.

Le istruzioni in genere richiedono l’utilizzo dell’Editor criteri di gruppo (gpedit.msc), ma si si utilizza Windows 10 Home Edition questa funzione non viene fornita. Sebbene a volte le istruzioni vengano fornite con un metodo alternativo per eseguire l’attività modificando il Registro di sistema, è sempre preferibile utilizzare l’Editor criteri di gruppo, in quanto contiene istruzioni su come funziona ciascuna delle impostazioni. Non vi è alcuna garanzia che i metodi alternativi conterranno tali dettagli.

Facendo una ricerca approfondita, alcuni siti sostengono che è possibile ottenere la funzione su Windows 10 Home Edition; basta scaricare un file zip contenente “qualcosa” che lo abiliti. Anche se potrebbe essere perfettamente sicuro, meglio non scaricare nessuno di questi file zip perché non c’è alcuna spiegazione sul contenuto all’interno o sul motivo per cui debba essere consegnato in quel modo.

Appare piuttosto sospetto sostenere che l’Editor dei Criteri di gruppo è già lì e che semplicemente deve essere abilitato, ma non esiste alcuna indicazione su dove sia o anche un senso generale di come sarebbe stato abilitato.

Ma un metodo efficace esiste: utilizzando alcuni comandi. Non è necessario impararli a memoria, basta semplicemente copiarli ed incollarli nel prompt dei comandi, oltre a creare uno script CMD che lo gestirà (compreso un controllo sovrascrivibile per assicurarsi di essere su Windows 10 Home Edition). In entrambi i casi i comandi sono completamente visibili in modo da poter vedere ciò che si sta eseguendo; non c’è nulla di nascosto e niente da scaricare.

Leggi Anche  Windows 10, ecco le novità

IMPORTANTE: se si eseguono i due comandi mostrati di seguito o lo script CMD collegato sotto di essi, è necessario eseguire il prompt dei comandi come “Amministratore”. Se non lo si fa, apparirà un errore che dice di farlo (dal comando DISM). Basta fare clic destro sull’icona “Prompt dei comandi” e selezionare “Esegui come amministratore”.

Ecco i comandi:

PER% F IN (“% SystemRoot% \ servicing \ Packages \ Microsoft-Windows-GroupPolicy-ClientTools-Package ~ * .mum”) DO (

    DISM / Online / NoRestart / Add-Package: “% F”

)

PER% F IN (“% SystemRoot% \ servicing \ Packages \ Microsoft-Windows-GroupPolicy-ClientExtensions-Package ~ * .mum”) DO (

    DISM / Online / NoRestart / Add-Package: “% F”

Bisogna sapere che i due comandi mostrati sopra sono pensati per essere eseguiti direttamente in una finestra del prompt dei comandi e non inseriti in uno script CMD. Il problema è che la sintassi del comando FOR cambia leggermente durante l’esecuzione in uno script CMD (sono necessari due segni % per la variabile F anziché uno solo). Questo è tutto.