Recuperare spazio nell’hard disk cancellando la cache (inutile) di Windows

spazioNell’atto di aggiornare il sistema operativo, Windows memorizza automaticamente nella cache tutti i file di installazione degli aggiornamenti. Può sembrare certamente strano, ma con questi file memorizzati, Windows può riapplicarli sé necessario, senza scaricarli nuovamente.

L’inconveniente è che la cartella di aggiornamento contenuta nella cache cresce via via di dimensione e va ad occupare spazio all’interno dell’hard disk. Quindi cancellandola aiuta a recuperare non solo lo spazio, ma anche ad eliminare quei file di aggiornamento eventualmente danneggiati. Vediamo come è possibile cancellare la cache degli aggiornamenti in Windows 10.

Come cancellare i file di aggiornamento

Cancellare la cache degli aggiornamenti in Windows 10 è facile, ma non così semplice come potrebbe sembrare. Anche utilizzando “Pulitura disco” la cancellazione potrebbe essere incompleta, quindi utilizzeremo il metodo manuale.

Per iniziare, dobbiamo interrompere il servizio di aggiornamento di Windows prima di poter cancellare la cache. Per fare ciò, cerchiamo “Servizi” nel menu Start e apriamolo. Se stiamo utilizzando il sistema come utente standard, dobbiamo aprirlo come amministratore tramite il menu di scelta rapida.

Una volta aperta la finestra Servizi, individuiamo il servizio “Windows Update”; facciamo clic con il pulsante destro del mouse e selezioniamo l’opzione “Interrompi” per bloccare il servizio di aggiornamento di Windows. Dopo averlo interrotto, premiamo “Win + R”, inserendo “C: \ Windows \ SoftwareDistribution \” e premendo il pulsante Enter. La suddetta cartella è quella in cui Windows memorizza tutti i file relativi agli aggiornamenti.

Una volta che siamo in questa cartella, apriamo quella “Download”, selezioniamo tutti i file al suo interno e premiamo il tasto Canc sulla tastiera per eliminarli. Se riceviamo l’avviso delle credenziali di amministratore, facciamo semplicemente clic sul pulsante “Continua” per completare la procedura.

Leggi Anche  Come aggiornare i driver di un Pc Windows

Se vogliamo guadagnare ancora più spazio, possiamo anche eliminare i file all’interno della cartella “DeliveryOptimization”. Prima di farlo, è necessario disabilitare la funzionalità Ottimizzazione. Per farlo, cerchiamo “Controlla aggiornamenti” nel menu Start e apriamolo.

Nella finestra “Aggiornamento e sicurezza”, facciamo clic sul collegamento “Opzioni avanzate” nella pagina di Windows Update. Una volta aperta la finestra Opzioni avanzate, facciamo clic sul link “Scegli come vengono consegnati gli aggiornamenti”.

L’azione sopra riportata ci porterà alla finestra delle impostazioni di Ottimizzazione. Qui, disattiviamo la funzionalità Windows Delivery Optimization. Dopo averla disattivata, premiamo “Win + R”, immettiamo il percorso della cartella sottostante e premiamo Enter. In questa cartella selezioniamo tutti i file e le cartelle usando “Ctrl + A” e premiamo il tasto Canc. Questa azione cancellerà tutti i file nella cartella.

Una volta terminato tutto, torniamo alla finestra Servizi, facciamo clic con il pulsante destro del mouse sul servizio “Windows Update” e selezioniamo l’opzione “Avvia”. Questa azione avvierà nuovamente il servizio di aggiornamento automatico.