Come aggiornare il Mac usando il Terminale

macOS Mojave

Molti utenti sono abituati ad aggiornare il software del Mac (macOS) utilizzando il Mac App Store. Tuttavia, è disponibile un altro metodo per aggiornarlo: il Terminale. L’utilizzo di questo metodo per aggiornare il Mac, oltre a far risparmiare tempo, può essere per molti semplice, soprattutto perché il Mac App Store è ancora in ritardo sui dispositivi più vecchi. Molti utenti hanno anche segnalato che gli aggiornamenti vengono scaricati e installati più velocemente quando tramite il Terminale.

Se si stanno utilizzando più Mac collegati a un server, basta semplicemente eseguire uno script o installare da remoto un aggiornamento senza passare attraverso il difficoltoso accesso a ciascun dispositivo. Per gli utenti che eseguono macOS Mojave o versione successiva, gli aggiornamenti software sono stati spostati in “Preferenze di sistema”, ma il metodo Terminale è ancora disponibile.

Questo metodo utilizza una serie di comandi per consentire al Terminale di cercare tutti gli aggiornamenti disponibili per il proprio sistema e installarli. Poiché l’aggiornamento del software su qualsiasi sistema è una funzione primaria, è necessario la password di amministratore per procedere con qualsiasi download e installazione utilizzando il Terminale. Ecco la procedura:

  1. Aprire il Terminale sul Mac. E’ possibile farlo ricercandolo con Spotlight o accedendo ad “Applicazioni -> Utilità -> Terminale” nel Finder.
  2. Digitare il seguente comando e premere Invio: “softwareupdate –l”. In questo modo, verranno cercati i server di Apple per eseguire tutti gli aggiornamenti disponibili per il particolare sistema operativo. Se non sono disponibili aggiornamenti, verrà visualizzato “Nessun aggiornamento disponibile”. Invece, nel caso in cui gli aggiornamenti siano disponibili, il Terminale né visualizzerà l’elenco insieme alle dimensioni del file.
  3. Adesso, per scaricare e installare un particolare aggiornamento, utilizzare “sudo softwareupdate -i ‘NAME’”. Sostituire NAME con l’aggiornamento specifico che si desidera scaricare e installare. Ad esempio, se si desidera installare l’aggiornamento macOS 10.14.5, digitare “sudo softwareupdate -i ‘macOS 10.14.5 Update-‘”.
  4. Invece, se si desidera installare tutti gli aggiornamenti disponibili, utilizzare semplicemente il seguente comando: “sudo softwareupdate -i –a”. Il comando -a indica semplicemente al terminale di installare tutti gli aggiornamenti. Poiché entrambi questi comandi sono comandi sudo, è necessario inserire una password di amministratore quando viene richiesto.
Leggi Anche  Perché scegliere un PC Mac piuttosto che uno Windows?

Questo è quanto. L’aggiornamento (s) che è stato selezionato, uno volta scaricato, inizierà l’installazione. Sfortunatamente, non esiste la barra di avanzamento tradizionale. Invece, ad ogni passaggio, il Terminale mostrerà un messaggio di testo.

Nel caso in cui viene installato un aggiornamento che richiede il riavvio del computer, il Terminale informerà l’utente. Basta inserire semplicemente la password e il Terminale riavvierà automaticamente il Mac.