disco rigido

Se hai mai formattato un disco rigido o una chiavetta USB, avrai sicuramente visto l’impostazione predefinita “Dimensione dell’unità di allocazione”. Non preoccuparti, si può modificare. Ma come dovresti impostarlo? Che cosa significa dimensione dell’unità di allocazione?

Dimensione dell’unità di allocazione

La dimensione dell’unità di allocazione può essere indicata come “dimensione del cluster”. In sostanza, un file completamente vuoto avrà la dimensione della dimensione dell’unità di allocazione. Ogni volta che un file cresce, non importa quanto grande o piccolo possa essere, cresce anch’essa.

Dimensione dell’unità di allocazione ideale

Le dimensioni ottimali dell’unità di allocazione per l’unità dipendono spesso dal sistema operativo che stai utilizzando e dalla grandezza dell’unità. Ad esempio, Microsoft ha un elenco delle dimensioni predefinite per le varie versioni di Windows disponibili.

In genere, l’utilizzo di qualsiasi impostazione predefinita per il sistema è la scelta migliore, ma non lo è sempre. Se, ad esempio, hai tantissimi file piccoli, una dimensione di unità di allocazione più grande consumerà il tuo spazio più velocemente.

L’utilizzo di dimensioni dell’unità di allocazione superiori a quelle necessarie può creare una frammentazione non necessaria sull’unità. Questo è più un problema dei dischi rigidi poiché le unità a stato solido (SSD) non sono così inclini ai problemi di prestazioni grazie alla frammentazione.

Nella maggior parte dei casi, Microsoft consiglia una dimensione dell’unità di allocazione di 4 KB. Ma se hai bisogno di una dimensione non predefinita, probabilmente sai già il perché ne hai bisogno.

Leggi Anche  Cosa sono i keylogger e come difendersi

Si dovrebbero utilizzare dimensioni diverse per SSD o dischi rigidi?

Come accennato in precedenza, la frammentazione non presenta gli stessi problemi su un SSD come quelli su un disco rigido. Per questo motivo, potresti teoricamente utilizzare unità di allocazione più grandi. Ciò accelera davvero le prestazioni? La risposta è probabilmente no. Finora non ci sono stati esempi reali di dimensioni di unità di allocazione più grandi che portino a qualsiasi modifica delle prestazioni sugli SSD. Dimensioni più grandi delle unità possono portare a più operazioni di scrittura nel tempo, il che comporterebbe un maggiore logorio del disco SSD.

Alcuni degli stessi esempi che abbiamo già visto con dischi rigidi standard si applicano anche qui. I giochi e altre applicazioni che leggono e scrivono frequentemente file di dimensioni molto ridotte (meno di 4 KB) potrebbero trarre vantaggio da dimensioni cluster ridotte. Anche così, è improbabile che si notino differenze misurabili nelle prestazioni.

Conclusione

Come probabilmente avrai notato, in genere utilizzi le dimensioni predefinite dell’unità di allocazione. A meno che tu non stia preparando un computer per un caso d’uso molto specifico, non è nemmeno qualcosa su cui dovresti pensare troppo. Ci sono sempre delle eccezioni, ma generalmente è la regola.

Previous

Come correggere crash ed errori di Flash Player in Chrome

Next

Come gestire le risoluzioni del monitor su Linux

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hot news

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi