Scegliere l’SSD giusto: guida all’acquisto

ssd

Gli SSD sono una parte fondamentale di un computer. Ecco perché spesso e volentieri li sentiamo nominare, ed ecco spiegato il motivo per cui, in fase di acquisto, il commesso del punto vendita tende a sottolinearne con insistenza la capienza.

Già solo per come si propone, e quindi per il produttore che vi sta dietro e per la capacità di memoria su cui può contare, l’SSD dà la misura della sua affidabilità: quando compriamo un computer nuovo o quando intendiamo ristrutturarlo con qualche componente più moderna, insomma, va assolutamente tenuto sott’occhio questo elemento!

SSD: valutare… le prestazioni

La maggior parte degli SSD presenti sul mercato – siano essi per PC Dekstop o per notebook – hanno un formato 2.5″ e vengono installati all’interno della macchina attraverso dei connettori SATA. A sua volta, lo standard del SATA è utile per definire la velocità di trasferimento dati. Per capirci, un SATA 3 riesce a far girare fino a 6 Gbps, mentre un SATA 2, solitamente presente nei computer portatili, vanta prestazioni che difficilmente vanno oltre i 3 Gbps.

C’è poi il SATA Express che permette l’unione dell’infrastruttura SATA con l’interfaccia PCI Express, e che proprio per questo riesce a far toccare al sistema la bellezza di 10 Gbit al secondo (che sulla carta, e quindi livello puramente teorico, sono 16 Gbit/s).

SSD: valutare… la memoria

Come detto inizialmente, molto importante è anche il discorso memoria. Dovete sapere intanto che gli SSD, esattamente come gli hard disk meccanici, rispondono ormai a un’ampia varietà di tagli tale da permettere di accontentare tutte le esigenze possibili. In linea di massima, comunque, un taglio da 256/521GB è assolutamente esaustivo. Se invece l’SSD ha il compito di affiancare qualcosa di già esistente, allora un 120GB può già andare bene.

Leggi Anche  Office 2013 ha fatto crack, ecco come attivarlo gratis. Ecco il crack per Office 2013

Acquistare SSD: occhio a durata e garanzia

Infine, quando acquistate un SSD abbiate cura di valutare la durata e la garanzia che sono parametri fondamentali per poter contare su un’esperienza d’uso quanto più serena. Ciò che molti ignorano, a questo proposito, è che gli SSD hanno una “scadenza” determinata dal numero di scritture supportate (che in genere ammontano a qualche milione di ore ed il cui valore viene in ogni caso prestabilito dal produttore).